Fert

Assemblea Ordinaria Annuale Associazione F.E.R.T.

A tutti gli Associati
Ai Responsabili delle Imprese piemontesi del comparto media

Cari Associati e Colleghi,

il Consiglio di Amministrazione della F.E.R.T. ha convocato l’ASSEMBLEA ORDINARIA dell’Associazione F.E.R.T. - Filming with a European Regard in Turin alla quale siete invitati a partecipare.

L’Assemblea si svolgerà
mercoledì 22 giugno 2016 dalle ore 19:30
in Via Cagliari 42, Torino
(prima convocazione, pro forma, ore 15.00)

All’Ordine del Giorno dell’Assemblea:

NUOVE SFIDE EDITORIALI PER IL DOCUMENTARIO ONLINE

LE NUOVE SFIDE EDITORIALI PER IL DOCUMENTARIO ONLINE  
POSSONO TROVARE PARTNER EUROPEI E CO-FINANZIAMENTO
Vogliamo cercarli insieme?

mercoledì 22 giugno 2016
ore 17.30 sala riunioni
Film Commission Torino Piemonte
via Cagliari 42, Torino

Gli studios (1994 – 2002)

Gli studios (1994 – 2002)

Nel 1994 il maggior sforzo della FERT si concentra sulla elaborazione del progetto industriale per il recupero degli stabilimenti in quanto “Centro di produzione audiovisiva di qualità culturale per il mercato europeo”. Il primo progetto, utilizzato come base per tutta la progettazione successiva, viene presentato pubblicamente alla Galleria d’Arte Moderna il 15 novembre 1994 [Progetto Industriale Nov. 1994 PDF] [Rassegna stampa Nov. 1994 PDF].

Questa proposta diventerà la base per la realizzazione di uno studio di fattibilità per facilitare l’erogazione di fondi CE verso la Città di Torino.

L’Associazione dettaglia nel luglio 1995 una proposta progettuale per la riattivazione degli studi Fert come polo di servizi per lo sviluppo, la promozione e la produzione – mirata a favorire l’incrocio tra ricerca tecnico-scientifica ed elaborazione artistica. Nel progetto [Sintesi Progetto Industriale Luglio 1995 PDF] gli elementi di eccellenza dei futuri studios sono già chiaramente disegnati: “virtual studio”, con caratteristiche di punta in Europa, “open space” per la formazione, la ricerca, lo sviluppo e la prototipazione,  “archivio digitale” per l’immagazzinamento e la consultazione di immagini e suoni secondo le modalità più avanzate.

La Città, facendo proprie le linee guida di questa proposta, costituisce un gruppo di lavoro per l’elaborazione di un progetto con il quale concorre all’utilizzo dei Fondi Strutturali (Obiettivo 2) volti alla riconversione di aree industriali in crisi. Il progetto è accolto e nell’autunno del 1997 si apre il cantiere: i vecchi studi, strutturalmente non adeguati alle nuove funzioni, vengono demoliti, tranne la palazzina degli uffici, che sarà oggetto di restauro. Nel 1999 il cosiddetto “primo lotto” dei nuovi studi è completato: dalle rovine sorgono ora due studi per riprese virtuali e tradizionali, le regie, i camerini, la lunga manica per la formazione e le lavorazioni informatiche, una sala di proiezione. La nuova pianta, a forma di H, evidenzia il ponte tra “imagery” tradizionale e virtuale.

Si costituisce nel 1999 la società a capitale pubblico Virtual Reality & Multi Media Park SpA (www.vrmmp.it), con la partecipazione di Città, Finpiemonte, Provincia, Università, Politecnico, Camera di Commercio di Torino. I suoi scopi statutari risiedono nella formazione, ricerca e prototipazione – le missioni raccomandate cinque anni prima dall’Associazione F.E.R.T.  Il lavoro pratico della nuova società, nei tre anni seguenti, sarà quello di guidare i bandi di gara internazionali per le forniture tecniche, nonché per l’individuazione del partner privato che gestirà gli studios e collaborerà con la società a capitale pubblico per la nascita del distretto industriale: una rete di piccole e medie imprese indipendenti capaci di agire sul mercato globale. Un articolo del dicembre 1999 rende l’idea delle sfide che il progetto affronta su larga scala. [“Le politiche per l’audiovisivo” PDF]

Trasparenza

In questa sezione del sito sono pubblicati gli incarichi con i collaboratori dell'Associazione F.E.R.T., al fine di ottemperare quanto disposto dalla normativa sugli obblighi di trasparenza. 

Per la realizzazione dell'evento denominato Le Giornate Europee del Cinema e dell'Audiovisivo, 13a edizione, svoltosi a Torino e a Costa Vescovato (AL) nelle date 18 novembre e 19 dicembre 2016, 24-25 febbraio 2017, 31 marzo-1 aprile 2017, il Consiglio di Amministrazione dell'Associazione F.E.R.T. in data 7 settembre 2016 ha conferito i seguenti incarichi di lavoro:

- per la progettazione e direzione dei 4 eventi, incarico a Claudio Papalia, con un importo lordo massimo di euro 10.000,00, attivando un contratto di collaborazione coordinata e continuativa;

- per l'organizzazione, la comunicazione, la logistica, i report, incarico a Tiziana Ripani, per un importo lordo massimo di euro 8.000,00 attivando, un contratto di collaborazione coordinata e continuativa;

- per l'art direction e la grafica dei materiali promozionali e di allestimento spazi, incarico ad Antonino Varsallona, per un importo lordo massimo di euro 3.000,00, su prestazione occasionale.

VOTA IL PUBLIC CHOICE AWARD DEGLI EBBA 2015!

Il 14 gennaio la città olandese di Groningen ospiterà gli European Border Breakers Awards. I vincitori del 2015 si esibiranno in uno show televisivo condotto da Jools Holland.

Aperte le iscrizioni del Master in Management della Produzione Audiovisiva e Crossmediale

SCADENZA ISCRIZIONI: 31 Gennaio 2015 
AVVIO MASTER: Febbraio 2015


Sono aperte le iscrizioni alla VI edizione del 
Master in Management della Produzione Audiovisiva e Crossmedialedell'Università di Torino (Dipartimento di Management).

In lavorazione il film dedicato ad Alberto Signetto

La società RossoFuoco è in fase di realizzazione del film dedicato ad Alberto Signetto

WALKING WITH RED RHINO - A spasso con Alberto Signetto di Marilena Moretti

con il sostegno del Piemonte Doc Film Fund – Fondo regionale per il documentario e il patrocinio di Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza - Piemonte Movie - Associazione Museo Nazionale del Cinema - 100 Autori - Associazione Chicca Richelmy 

5/1000 all'Associazione FERT

Anche quest'anno la Fert è nella lista delle associazioni a cui può essere destinato il 5 x 1000

 

SOSTIENICI ANCHE TU!

 

ASSOCIAZIONE F.E.R.T.

CODICE FISCALE

97550830018

Promozione del distretto industriale e del contenuto media

L’ambizioso obiettivo di creare una nuova vita per gli studios è perseguito di pari passo con quello della promozione di un moderno distretto industriale dell’audiovisivo e del contenuto media. A partire dall’anno della fondazione, l’Associazione F.E.R.T. lavora per stabilire nuovi rapporti all’interno della comunità delle imprese, collaborazioni europee, programmi di formazione continua per il talento e per gli imprenditori, continuità di presenza ai mercati internazionali, corretto utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e sviluppo di nuove tecnologie centrate sull’utenza creativa e industriale.

L’Associazione si sviluppa – soprattutto in questi suoi primi anni di vita – grazie al lavoro volontario (ma esattamente contabilizzato) dei suoi membri, guadagnandosi via via il riconoscimento e il sostegno finanziario degli Enti Pubblici europei, nazionali e locali.

Proviamo a ripercorre sinteticamente, dal 1994, l’attività dell’Associazione F.E.R.T. per grandi linee di lavoro, rinviando ulteriori approfondimenti alla lettura di documenti che troverete via via collegati.

Gli studios 1994–2002: dal Progetto Industriale FERT, alla ristrutturazione degli studios, creazione della società pubblica VR&MMP SpA, il gestore privato degli studi Multi Media Park.

Film Commission 1993–2000: attività di ricerca e progetto per la promozione di quella che diverrà, nel 2000, la Film Commission Torino-Piemonte.

Promozione di un fondo di investimento per lo sviluppo dei progetti 1994-2002: attività di ricerca e progetto per la promozione di un fondo per l’investimento sui nuovi titoli in sviluppo.

Innovazione editoriale e progetti di ricerca 1995-2002: attività di ricerca, progetto, pilotaggio, lancio di una Agenzia europea a rete per lo sviluppo di nuovi titoli (DeveloperNet, BC, CREA Net); costituzione della FERT RIGHTS s.r.l. per la sperimentazione in vivo delle nuove modalità di gestione dei diritti digitali.

Talent scouting 1999–2002: Affabula Readings, promozione di storie per film e formazione di editor drammaturgici.

Spinta alla creazione di nuove realtà imprenditoriali e associative 1996–2000: nascita della CAM, consortile delle imprese dell’audiovisivo e del multimedia, e delle associazioni Documentary in Europe e DOC/IT.

Accesso alla finanza europea per la produzione indipendente 1995–2002: Antenna MEDIA Torino, sportello di consulenza per le imprese italiane.

La Formazione 1994–2002: EAVE, Sources, Arista, Panoptikon, Documentary in Europe, Affabula.

I Mercati internazionali 1993–2002: Marsiglia, Cannes, Venezia, Vancouver, ...

La memoria storica di un’impresa 1995–2002: la ricerca storica sugli studi Fert e attività editoriale.

Per un centro di eccellenza della produzione indipendente

Fermate le ruspe, si trattava allora di lavorare alle fondamenta di un progetto industriale fattibile e convincente. Tutto l'anno 1993 è segnato da un'intensa attività progettuale ad ampio raggio: al centro delle attività di progetto dell'Associazione, mentre disegnava le linee-guida per una nuova operatività degli studi Fert, era l'insieme di un futuro distretto industriale del cinema e dei nuovi media.

Si guardava all'Europa dell'audiovisivo e soprattutto a quei paesi come la Francia, la Germania, l'Inghilterra che avevano generato esperienze di punta in questo campo.

I temi portanti che verranno sviluppati e dibattuti per tutto l'anno '93, nel corso di workshop, convegni e incontri, erano quelli di una nuova formazione imprenditoriale in grado di dare ai produttori indipendenti, piemontesi e italiani, strumenti adeguati per misurarsi con il mercato europeo e internazionale; della creazione in Piemonte di una Film Commission che, come già accadeva in molti paesi europei, fosse in grado di attrarre la produzione internazionale sull'area di Torino; della creazione di un fondo di investimento per la fase di sviluppo dei progetti, fase essenziale per la produzione di un audiovisivo capace di circolare e competere internazionalmente e sulla quale nessun produttore italiano allora investiva. [Documenti Workshop Ottobre 1993].

L'Associazione è chiamata a partecipare al Gruppo di lavoro della Regione Piemonte per la discussione delle nuove normative di settore, con particolare riferimento alla costituzione di una Film Commission del Piemonte.

Nel frattempo l'Associazione decide di costituirsi legalmente: si fonda, autofinanziandosi, il 1° giugno 1993 in Torino, con uno statuto in linea con i suoi obiettivi: "salvaguardare e riportare alla loro funzione originaria di studi cinematografici gli edifici già denominati FERT, siti in Torino, corso Lombardia numeri 174-194". [Statuto integrale 1993 e lista Fondatori].

Subito dopo, il 28 giugno, organizza il suo primo convegno europeo: la giornata di studi tecnici ed economici "Produrre a Torino" che vede per la prima volta insieme le reti televisive RAI e la francese ARTE, modello di una produzione pubblica di qualità [Programma Convegno] [Rassegna stampa Convegno].

Mercato audiovisivo europeo, co-produzioni di qualità: questi i cavalli di battaglia che sin dall'inizio hanno contraddistinto la visione Fert. Per approfondimenti: [Il quadro operativo] e [FERT: Cosa Come Perché].

Con il convegno di giugno
l'Associazione sviluppa le tematiche della produzione a Torino in termini di continuità di un'esperienza quasi secolare, di apertura di nuovi mercati per il prodotto audiovisivo di alta qualità a costo contenuto, di risorse umane, tecnologiche, finanziarie che a livello regionale ed europeo possono trovare un valido impiego.

Con la presenza ai Festival e ai Mercati
di Riccione, Cannes, Marseille, Bellaria, Venezia, Rimini, Amsterdam, a cui partecipano Claudio Papalia, Tiziana Ripani, Alessandro Signetto, Roberto Tarallo, Stefano Tealdi, stabilisce contatti volti all'instaurazione di rapporti produttivi a breve e medio termine.

Con l'incarico di organizzare il seminario di formazione
per produttori dell'audiovisivo EAVE/Régions, ottenuto grazie al lavoro di Alessandro Signetto, l'Associazione acquisisce per il Piemonte un ruolo operativo di valore strategico nella struttura di formazione imprenditoriale del Programma MEDIA, con il quale continuerà a collaborare negli anni successivi.

In sintesi il primo anno di attività della FERT pone le basi della progettualità che negli anni successivi continuerà sulle linee del rafforzamento del tessuto imprenditoriale piemontese, di attrazione di nuove esperienze di formazione continua, di relazioni internazionali e intensa partecipazione ai mercati, di innovazione editoriale e progetti di ricerca, e che porterà ai risultati oggi visibili a tutti.